Natale in corsia

•L’Arena Domenica 29 Dicembre 2013 – Cerea e Legnago. Progetto di Clownterapia al “Mater Salutis”

Pagliacci in Ospedale per la Gioia dei malati.

Un gruppo di 18 volontari della Croce Rossa Italiana ha allietato il Natale dei degenti e del personale.

Francesco Scudieri.

Naso da pagliaccio, trucco, Operatori del Sorriso
cappello, cravattino sgargiante e camice bianco da dottore per regalare un sorriso a chi non ha potuto passare il Natale a casa con la propria famiglia. In 18 si sono presentati la mattina del 25 dicembre all’ospedale “Mater Salutis” per portare gioia e serenità tra i degenti e il personale del blocco sud della struttura grazie alla clownterapia. Si tratta degli “Operatori del Sorriso” del Comitato del Basso Veronese della Croce Rossa Italiana che ha sede a Cerea: tutti volontari qualificati che hanno seguito un apposito corso con tanto di certificazione. La clownterapia moderna, cioè l’uso del sorriso come elemento integrante ed efficace della terapia medica, è stata ideata dal dottor Hunter Adams, noto a più come Patch Adams, fondatore nel 1972 del “Gesundheit Institute”. Chi crede di potersi improvvisare in quella che è un vero e proprio tipo di assistenza sanitaria si sbaglia di grosso: esistono corsi di formazione dove si impara a far sorridere i pazienti, riuscendo allo stesso tempo ad alleviare il dolore provocato dalla malattia. Proprio quello che hanno deciso di fare i 18 “angeli della solidarietà”, che per due ore hanno allietato i pazienti dell’ospedale con discrezione, premura e attenzione, senza risultare mai invadenti. “Abbiamo voluto esserci di proposito la mattina di Natale”, spiega Elena Mirandola, referente provinciale di Croce Rossa per le attività psicosociali e tra i partecipanti all’iniziativa, “perchè si tratta di un giorno molto particolare per chi è ricoverato, che purtroppo fa sentire molto di più la propria vulnerabilità e solitudine lontano da casa”. “Di solito”, prosegue Mirandola, “i parenti arrivano nel pomeriggio, per questo abbiamo voluto portare un sorriso proprio nel momento della giornata in cui c’è più bisogno di calore umano”. I simpatici Clown sono stati accolti con gioia da pazienti, operatori, infermieri e medici. A tutti sono stati distribuiti degli omaggi: si tratta di lavoretti fatti a mano dagli ospiti della Comunità terapeutica riabilitativa protetta per pazienti con disturbi psichici “Villa Stellini” di Nogara seguiti dalla coordinatrice Eleonora Mioso. “Per tutti noi è stata un’esperienza splendida”, racconta Mirandola, “una volta entrati in ospedale ci siamo divisi in quattro squadre e abbiamo dato il via alle attività. Desideriamo ringraziare di cuore la Direzione Generale, quella Sanitaria e la Dirigenza Medica per questa opportunità”. •

Lascia un Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: