Giusto per farvelo sapere…

Una mail arrivata in Comitato Basso Veronese.

Dalla pagina personale Facebook di Luca

Ciao a tutti,
questo è quello che ho condiviso sulle varie pagine Facebook locali e visto che un po’ vi riguarda…
Di solito mi piace condividere i momenti belli della vita ma stavolta non è proprio così. Ieri mattina, andando al lavoro con il mio collega Stefano Merlin, anche lui di Cerea, su una strada in periferia di Verona abbiamo visto una donna che stava per attraversare sulle strisce e ho cominciato a rallentare per farla passare. Dall’altra parte sopraggiungeva un’auto a velocità moderata condotta da una ragazza che, sicuramente distratta, non ha nemmeno accennato alla frenata investendo in pieno il pedone e facendola volare per molti metri. La scena è stata bruttissima ma subito io e Stefano siamo scesi dall’auto e, mentre lui telefonava ai soccorsi, io mi sono chinato sulla donna investita che era cosciente (per fortuna!) ma molto dolorante. Per farla breve: abbiamo organizzato il primo soccorso (e qui ringrazio i miei trascorsi negli scout e soprattutto il corso di Primo Soccorso della Croce Rossa di Cerea di pochi mesi fa!), ho tenuto vigile la donna tenendole la mano e parlandole, rassicurandola sui suoi bambini a scuola, ho tranquillizzato la ragazza dell’auto in piena crisi, ci siamo fatti aiutare da un’altra automobilista per le telefonate ai familiari e da una signora della zona a cui abbiamo chiesto una coperta per tenere al caldo la donna investita, che era sempre stesa sull’asfalto, fino all’arrivo dell’ambulanza. Sapevamo cosa fare e soprattutto cosa non fare! Unico neo un automobilista “fenomeno” che dopo pochi minuti ha cominciato a urlare e imprecare di spostarci (!!??) perchè lui doveva andare al lavoro e che poi é passato andando sopra il marciapiede! Lavorando nelle assicurazioni spesso gestisco gli incidenti altrui ma un conto sono le carte e un conto è la vita in diretta. Con una maggiore prudenza e con qualche protezione in più sulla strada per i soggetti deboli quali pedoni e ciclisti non sarei qui a scrivere. Quindi ben vengano i Comuni che cercano di lavorare per la sicurezza e ben vengano gli automobilisti consapevoli. Il finale della vicenda è comunque scritto nella legge sull’omicidio e sulle lesioni stradali che farà il suo pesante corso per la responsabile.

Almeno un po’ ho messo a frutto il mio attestato!
Ciao ciao, 
Luca Ambrosi

Lascia un Commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: